Skip to content →

STADIO SAN SIRO – STORIA

0e09873bb607be7a6a9e4cbaf1e36a74

Photo: web

La costruzione dell’impianto iniziò nel dicembre 1925 grazie al sostegno di Piero Pirelli (all’epoca presidente del Milan); lo stadio fu ufficialmente inaugurato il 19 settembre 1926 con la partita amichevole tra Inter e Milan. Lo stadio era di proprietà del Milan e vi giocavano solamente i rossoneri. L’Inter disputava le sue partite all’Arena Civica, e iniziò a giocare a San Siro solo a partire dal 1947, quando l’impianto era già diventato proprietà del Comune di Milano, che lo acquisì dal Milan nell’aprile 1935. Il Milan non giocò le sue gare interne a San Siro solo dall’ottobre 1941 al giugno 1945, durante la seconda guerra mondiale; in questo periodo le disputò all’Arena Civica. San Siro era infatti raggiungibile con difficoltà dai tifosi per via della penuria di energia elettrica, indispensabile per far funzionare i tram che portavano i tifosi allo stadio.

Il 2 marzo 1980 lo stadio fu intitolato a Giuseppe Meazza (1910-1979), storico calciatore sia dell’Inter con un breve trascorso anche nel Milan e campione del mondo con la Nazionale nel 1934 e nel 1938. In occasione del mondiale 1990, disputatosi in Italia, lo stadio venne profondamente rinnovato con la costruzione del terzo anello e della copertura.

Nell’agosto 2009 è stato inserito al secondo posto nella classifica del Times sugli stadi più belli al mondo. Lo stadio ha ospitato anche due incontri internazionali della Nazionale italiana di rugby: nel 1988 contro la Romania (valida per la Coppa FIRA) e il 14 novembre 2009 contro gli All Blacks neozelandesi; il test match, terminato 20-6 per gli ospiti, ha fatto registrare un’affluenza di più di 80 000 spettatori, record italiano per un incontro di rugby. Nel novembre 2010 il Comune e le due società utilizzatrici dell’impianto, Milan e Inter, hanno modificato gli accordi sull’affitto dell’impianto per favorire i lavori di ammodernamento dello stesso per farlo rientrare nella Categoria 4 UEFA.

Fonte Wikipedia >>>